what a difference – a lesson to learn…


Che differenza… Boris Johnson ha vinto le elezioni per sindaco di Londra. L’annuncio dei risultati è stato fatto con tutti i candidati sul palco. Nessun boato, spumanti, insulti agli avversari, niente clima da stadio… Solo un applauso. Johnson, che io non avrei mai votato, che è sempre sopra le righe, “flamboyant”, spesso arrogante, ha solo sorriso, è andato al microfono e dopo aver ringraziato i suoi elettori ha ringraziato il suo avversario e suo predecessore Ken Livingston per tutto ciò che ha fatto in questi 8 anni, definendolo un grande sindaco, coraggioso – specialmente dopo l’attacco alla metropolitana di Londra – e lodando la sua trasparenza e il suo innegabile amore per la città di Londra.

Boris Johnson      

Ken Livingston ha parlato dopo di lui, augurandogli buon lavoro e dicendosi disponibile a fare il possibile perché il passaggio di consegne sia senza intoppi. Ha accettato completamente la responabilità della sua sconfitta, rammaricandosi di non essere riuscito a convincere gli elettori a ri-eleggerlo. Ha giurato che finché sarà vivo continuerà “a vivere e lavorare per la più straordinaria città al mondo.” Il suo saluto è stato commovente e senza rancori.

Certo che erano dicorsi preparati e studiati… Ma ciò non toglie che fossero discorsi CIVILI. Di rispetto per l’avversario e di volontà di riconoscere che non tutto ciò che fanno o hanno fatto gli avversari fa schifo e va distrutto. Questa è politica che funziona, che è basata davvero sull’alternanza e sulla democrazia. I vincitori riconoscono comunque i pregi dei vinti e i vinti ammettono di non essere stati in grado di persuadere la gente. Senza sputarsi addosso, senza aprire spumanti e tirare mortadella…

Che differenza con la politica italiana, dove tutti sparano su tutti… Ve lo vedete Allemanno che loda l’operato di Veltroni dicendo che è stato un grande sindaco? Piuttosto si venderebbe l’anima.

Certo, il fatto che anche l’Inghilterra abbia visto il trionfo della destra è piuttosto deprimemte e mi fa sentire vagamente “circondata”… Non c’è via d’uscita!

E che razza di capelli ha Boris Johnson??? Se li schiarisce con l’acqua ossigenata come le mie compagne delle medie?

Mi sa che ci rimane solo Zapatero e Obama…

Ma Obama è di sinsitra??? Hmmmm…..

Cuba anyone?

Advertisements

One thought on “what a difference – a lesson to learn…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s